giovedì 30 aprile 2020

Caro premier, voglio essere controllato e vaccinato - Paolo Franceschetti

venerdì 24 aprile 2020

IL SIGNIFICATO ESOTERICO DELLA FONDAZIONE DELL’URBE.

I Natali di Roma sono una ricorrenza che, ai più, passa inosservata, o, quanto
meno, ne viene recepito l’aspetto più puramente superficiale, attinente alla
“Gloria Urbis”, esaltata da un’immaginario collettivo da cartolina postale,
assolutamente privo di significati di ben altra profondità e caratura di cui,
invece, l’intera vicenda della fondazione dell’Urbe, è caratterizzata.

Roma, anzitutto, non nasce casualmente, a seguito dell’atto volitivo di uno o
più singoli. La vicenda della sua nascita, sembra esser, in tutto e per tutto,
frutto di un vero e proprio piano divino. Romolo ed il suo gemello Remo, sono
figli del Dio Marte e della mortale Rea Silvia. La fondazione dell’Urbs viene
effettuata con il tracciamento di un solco, lungo un percorso a forma di
quadrato. La decisione della nomina del Rex attraverso sotto il segno
augurale del passaggio di uccelli, l’inviolabilità delle mura e la stessa
uccisione di Remo, da parte del gemello Romolo, la fine di Romolo stesso, le
cui membra, dopo esser stato ucciso, vengono sparse lungo quelli che
saranno i principali caposaldi della neonata Urbs, conferiscono un valore
altamente simbolico all’intera vicenda fondativa.

Possiamo pertanto affermare che, quello della fondazione di Roma è,
anzitutto un atto dalla forte valenza iniziatica, perché ad esser fondato non è
solamente un puro e semplice conglomerato di abitazioni, ma un vero e
proprio assetto spirituale,di cui la civiltà romana, costituirà la perfetta
realizzazione “in terris”. Il processo iniziatico parte dalla umile condizione
dell’iniziando,abbandonato in una cesta alla imprevedibilità degli elementi ed
animato da una doppia natura (i gemelli). A fronte della fondazione di una
città, all’interno di un solco, la cui forma quadra è riflesso di perfezione, è
necessario il sacrificio di uno dei gemelli (Remo), per riportare l’animo
dell’iniziato ad una perfetta unità costitutiva, eliminando la parte più spuria del
proprio “Sé”. La stessa morte del “Rex” Romolo, sancisce la definitiva
assunzione della sua persona, a vero e proprio “corpo di gloria”, dalle cui
parti sparse nasceranno le varie zone di Roma,finendo quest’ultimo con
l’essere identificato con Roma stessa.

La civiltà romana, trova la propria massima e compiuta espressione, in quella
Res Publica, che vedeva per l’appunto, nell’identificazione del cives romano
con quest’ultima, il proprio momento fondante. Questo, attraverso tutte quelle
istituzioni partecipative quali comizi curiati,comizi centuriati, tribunato della
plebe, senato, consolato, alle quali il cives partecipava attivamente e nelle
quali, in virtù dello “ius publicum”, il momento religioso trovava il suo organico
ed armonico collocamento, tramite la figura del “pontifex/facitore di ponti”, tra
la dimensione divina e quella terrena.

L’idea di organica partecipazione che caratterizzava le istituzioni
repubblicane, passerà indenne attraverso le varie epoche storiche.
L’istituzione senatoria ed il consolato permarranno integre, durante tutta l’età
imperiale, sinanche dopo la fine della civiltà romana e sino alla fatidica data
del 1870, con la riunificazione d’Italia, tali cariche saranno sempre vigenti,
all’interno della stessa Roma papalina. Senza ulteriormente addentrarci negli
innumerevoli ed ulteriori significati connessi alla vicenda della fondazione
dell’Urbs, sarà quindi necessario interrogarci su quale lezione si possa trarre
da questo evento.

Ci sovviene, a questo punto, l’esempio di una vicenda molto più vicina ai
tempi nostri che, in qualche modo, proprio dalla “romanitas” , volle trarre uno
spunto di azione. Il sodalizio esoterico del “Gruppo di Ur” ufficialmente attivo
nel biennio 1927/29, con le sue pubblicazioni, vide come protagonisti tutta
una serie di personaggi, dalle diverse provenienze culturali, accomunati però
dall’idea della possibilità di poter effettuare una vera e propria azione
“magica”, al fine di veicolare il ritorno della religiosità pagano-romana
nell’Italia fascista. Personaggi come il Pitagorico e Massone Arturo Reghini
ed il suo sodale Giulio Parise, lo studioso Julius Evola, l’antroposofo Giovanni
Colazza, il kremmerziano Ercole Quadrelli, la figura di Colonna di Cesarò,
proveniente da un ambito massonico-pagano, lo psicanalista Emilio Servadio,
lo stesso Massimo Scaligero e tanti altri, furono i protagonisti dell’inedito
tentativo di applicare le arti magiche, al fine di deviare il corso di eventi di
natura politica.

Tentativo inedito, perché esperito in Età Moderna, poi fallito,ma che,
comunque ci lascia una precisa indicazione operativa. La Magia, qui intesa,
non tanto quale superficiale e fenomenologica, popolaresca “superstitio”,
quanto vera e propria “scientia”, è la tecnica che permette all’iniziato di
addivenire ad un piano di realltà “altro” da quello dell’immanenza. Un piano di
realtà superiore, dal quale emana o dipende quello della sottostante
materialità ed attraverso la manipolazione del quale, si può pervenire alla
modifica sostanziale della sottostante realtà. Un insegnamento questo che,
con l’avvento della Modernità, sempre più andrà risentendo, della inquietante
presenza di un “Io” posto di fronte alla realtà della propria frammentazione in
un’anima cosciente ed in un’altra incosciente,che va ad attingere e riporta a
galla, i più profondi e nascosti motivi archetipici, comuni a tutto il genere
umano. Da quei motivi muove la Magia e le sue scuole per smuovere la
realtà nel suo complesso.

La presenza degli Dei, oggidì soffocata da una civiltà imperniata sul sensibile
e sulla sua quantificazione, è oggi sostituita dalla riscoperta dell’archetipo,
ovverosia, come suggeriscono le maggiori scuole esoteriche ( da quella
antroposofica, al magismo kremmerziano, non senza passare per l’ermetismo
di alcune obbedienze massinche e pitagoriche...), dal partire dalla
prefigurazione del dato sensibile per arrivare all’oltrepassamento dell’Io
sensibile. E pertanto, ricollegandoci ai motivi-guida dell’irrazionalismo
filosofico del 19° e del 20° secolo da Schopenauer a Stirner, da Nietzsche ad
Heidegger ed altri ancora, superare l’elemento umano dell’Io, per pervenire
alla dimensione del sovrumano, di quell’ “oltreuomo” che dell’umano
percorso, costituisce la fase finale, il completamento, alla base del quale, sta
quel costante lavoro di “Iniziazione”, quell’opus alchemico, in grado di
generare in noi una trasformazione qualitativa.

Parole queste che sembrano dar per scontato, ciò che, in verità, non lo è
affatto. Roma, con la sua luminosa storia, ci indica una via che, altri già
hanno tentato ed altri ancora, tenteranno di percorrere. Quella della
Modernità, è una via irta di insidie e difficoltà, alla quale le varie scuole di
pensiero hanno dato risposte sicuramente affascinanti, ma non ancora
sufficienti. Ad indicarci la strada, il simbolo di Mercurio e del suo caduceo,
sormontato da due serpenti, ovverosia, la sovrumana capacità del sapere

ermetico di ricavare forza e vitalità, dal materiale veleno delle forze del
Kosmos. Ancora una volta, la dimensione del mito, che sembrava confinata
nelle nebbie del senza tempo, irrompe decisa nella contemporaneità e ci
indica risolutamente la strada in grado di portarci fuori dalle secche della
Post- Modernità.
UMBERTO BIANCHI

Mappa Mundi: il Coronavirus e l'impero americano



#Covid19, la politica ha abdicato alle proprie responsabilità.

giovedì 23 aprile 2020

PAROLE SOLO PAROLE SOLTANTO PAROLE


BASTA CON LA PSEUDOSCIENZA DI GIORNALI E TELEVISIONI – Dario Miedico #By...

Agghiacciante - Preparata nei minimi particolari

Odifreddi a Foligno: "Kurt Gödel, Il Dio Della Logica"

11 Illusioni Ottiche che Inganneranno i Tuoi Occhi

PROTOCOLLO N.1 Savi Anziani di Sion DOCUMENTARIO*Massoneria Illuminati N...

Ornella Mariani: "I decreti sono carta da cesso !" | Notizie Oggi

Giza. La Caduta del Dogma - Conferenza Completa

mercoledì 22 aprile 2020

Giza. La Caduta del Dogma - Conferenza Completa

Coronavirus “Bisogna arrestare tutti” La furia del medico di base Vid...

Non si fermano davanti a nulla... (condividere)

Note fondamentali su restrizione Covid-19, per riprenderci il senso dell...

"C'È UNA MANIPOLAZIONE DEI DATI SUI DECESSI DA CORONAVIRUS" ► LA DENUNCI...

#coronavirus Ricordate la vicenda dell'Avigan ? Ascoltate cosa ha da dir...

Coronavirus? Sconcertanti dichiarazioni di uno scienziato all'inizio de...


Giuseppe Di Bella: Come potenziare il sistema immunitario

Giuseppe Di Bella: Come potenziare il sistema immunitario

martedì 21 aprile 2020

Hanno irreparabilmente perso credibilità


Luc Montagnier: COVID con HIV in 5G (Italiano)

LE ULTIME CON DAVIDE STORELLI


TEMPI ODIERNI CON SILVANO BORRUSO


M. Gustinicchi: "Siamo commissariati dagli uomini di Bill Gates" | Notiz...

SPETTRI, FOLLETTI E PANDEMIE



Non uno ma tre spettri si aggirano per il mondo delle burocrazie sanitarie di stato e private, dei farmaci, vaccini, cure alternative, integratori, antibiotici, ciarlatani, medicina vera e fasulla, insomma il mondo che fu di Ippocrate una volta e di Paracelso oggi, e che sta vivendo lo scompiglio da coronavirus. Gli spettri sono di Antoine Béchamp, francese (1816-1908), Florence Nightingale, inglese (1820-1910) e Carlo Arnaldi, italiano (1860-1924).
La seconda è famosissima, gli altri due no. Chi furono? Inutile chiederlo alle facoltà universitarie: da tempo non insegnano più Storia della Medicina. Perché se lo facessero, il dottor Antoine e l’igienista Carlo (e altri che sarebbe troppo lungo enumerare) la farebbero da guastafeste, minacciando categorie intere di mestieranti che vivono di malattia (altrui) con la sparizione dal palcoscenico della storia. Prima di studiarne l’operato, consideriamo
La Salute
Avete mai chiesto a un medico di definire la salute? Fatelo, e contate quante volte la risposta è “assenza di malattia”. Purtroppo i poveri medici mancano di nozioni di logica, la grande assente dalla sQuola gramsciana che tiene banco.
Chi ce le ha, quelle nozioni, sa che una definizione negativa è quanto di peggio possa escogitare il pensiero umano. Non parliamo poi di chi se ne esce con “sensazione di benessere”,  “buono stato del corpo” e inanità del genere.
Non li si può biasimare. Dice S.Tommaso in De Ente et Essentia che si può definire solo quello che ha essenza, cioè una sostanza. Ebbene, la salute non è tale. Tra le categorie aristoteliche può trovare il posto tra qualità e relazione, il che la rende descrivibile, ma non definibile. Descriviamola quindi, basandoci sull’osservazione e lo studio.
La salute non sarebbe che la concomitanza di due flussi: il primo, di elementi nutritivi che partendo dalla microflora del suolo arriva alle cellule del corpo dopo un passaggio attraverso radici, fusto, foglie e frutti di piante nonché del canale alimentare; il secondo, di elementi tossici, che partendo dalle cellule viene espulso all’esterno dopo un passaggio da uno dei quattro grandi emuntori: intestino, reni, polmoni o pelle.
Lunghetta, la descrizione, ma completa, penso, di ciò che la salute è.[1]
Dal che si può dedurre  che la malattia non sarebbe se non un disordine qualsiasi in uno, o in entrambi, i flussi. Si noti che l’aggiunta di elementi indebiti al primo flusso (eccessi di vario tipo), o la mancanza di elementi nutritivi a causa di pratiche agricole dissennate, e nel secondo flusso la mancata espulsione di tossine in seguito a un sistema danneggiato, sole o insieme, possono produrre un’infinità di sintomi, che gli eredi di Paracelso e quelli di formazione cartesiana chiamano “malattie”, come se fossero res, cose. Gli Scolastici li avrebbero ammoniti che le malattie non esistono: esistono i malati, e diagnosticare le cause delle loro sofferenze è compito immane, come Ippocrate ben sapeva.
Alla falsa filosofia di Cartesio, che impone all’essere umano la natura di macchina che a certi stimoli risponde sempre lo stesso, si aggiunge quella altrettanto falsa dell’evoluzione, che propone una similarità inesistente tra esseri umani e animali da laboratorio.
Dal che ne risulta un disordine filosofico, scientifico, sperimentale e quant’altro che non accenna a ridirigersi verso l’ordine naturale. Detto altrimenti, la sanità è nel caos, e non da ieri.
I fattori di salute, specialmente la microflora del suolo, non sono mai stati analizzati nella loro interezza. Per l’orgogliosa scienza umana sono rimasti libro chiuso, che di tanto in tanto mostra al più un paio di righe di qualche pagina. Per cui non mi addentrerò in questo ginepraio. Mi limiterò alla polemica decimononica tra Béchamp e Pasteur, che sta trovando il suo dénouement, o così la vedo io, nella saga che ha per protagonista il fenomeno Covid 19.
Due teorie
A chi confonde “teoria” con “ipotesi” ricorderò che sono due tappe diverse del metodo scientifico. Questo consiste di cinque tappe: prima, l’osservazione; seconda, l’enunciato del problema; terza, l’ipotesi; quarta, l’esperimento; quinta e ultima, la teoria.
Teoria è quindi la tappa finale del metodo: una visione d’insieme (dal greco theorein) nella quale tutti e solo gli elementi osservati e studiati trovano luogo. Essendo in una scienza induttiva, se uno solo di essi venisse falsificato dall’esperimento, bisognerebbe cominciare da capo. Facile dictu; lo vedremo.
Béchamp e Pasteur (1822-1895) furono contemporanei. Il primo era medico e scienziato ricercatore, la cui biografia è visionabile in Rete; il secondo, invece, era chimico, esperto in fermentazioni e ugualmente visionabile. Il che vuol dire che vi erano campi di ricerca comuni ai due. Quello che ci interessa sono le loro teorie divergenti circa la natura delle malattie infettive, e la polemica tra i due, irrisolta fino ad oggi.
Nel suo lavoro seminale Il Sangue e il suo Terzo Elemento Béchamp aveva scoperto alla scienza l’esistenza sanguigna di una granulazione molto al di sotto della risoluzione ottica dei microscopi dell’epoca, che lui chiamò microzyma, e che ipotizzò come la vera base dei fenomeni vitali.
Il microzyma,amorfo nei tessuti sani, veniva popolato da corpuscoli semoventi in quelli malati. Anche Pasteur li vide, ma i due scienziati li interpretarono in maniera del tutto diversa.
I termini tecnici che esprimono la contraddizione sono Pleomorfismo e Monomorfismo.
Il primo è di Béchamp, che lo osservò in laboratorio. Dopo puntigliose osservazioni, arrivò ad una conclusione inaspettata: le forme semoventi non solo venivano prodotte in e dal microzyma, ma anche cambiavano forma: da virus a batterio e viceversa, da un tipo di batterio ad un altro ecc. E non solo: cambiavano anche funzione secondo la bisogna.
Quale funzione? Quella di microspazzini, che convogliano gli elementi tossici verso gli orifizi naturali del corpo, per ridiventare microzyma amorfo a missione compiuta.
Tutto li? Tutto li, ma la differenza è irriconciliabile. Béchamp, sulla scia di Ippocrate, sosteneva che la medicina si dovesse occupare dell’infermo; Pasteur, su quella di Paracelso (1493-1541) e seguaci, sosteneva che essa dovesse attaccare la malattia col farmaco, il vaccino, il cerotto, la disinfezione e via dicendo.
Per Pasteur i germi sono esseri viventi di diritto proprio, ciascuno con il suo  nome scientifico e un posto in tassonomia. Ogni forma ha la sua funzione e causa la sua malattia e non un’altra.  Non si insospettì di non averli mai visti liberi nel suolo, nell’atmosfera o nelle acque. La sua interpretazione si diffuse rapidamente, nascendone tutta una batteriologia, virologia, microbiologia ecc. che ancora oggi tengono banco nelle facoltà scientifiche. Il loro inizio è databile a quando Pasteur lesse una relazione per l’Accademia delle Scienze intitolata La Teoria dei Germi applicata alla Medicina e alla Chirurgia. Era il 30 aprile del 1878.
Ancora nel 1881 diceva:
“Nello studio dei microorganismi vi è una perenne fonte di errore nell’introdurre germi estranei. L’osservatore che vide prima un organismo e poi un altro, fu propenso a concludere che il primo avesse subito un cambio. Eppure potrebbe essere pura illusione. La trasformazione da Bacillus anthracis a Micrococcus non esiste[2].
Rectius, non è deducibile da osservazioni di laboratorio. Ma Florence Nightingale, che aveva sgobbato nelle corsie dell’ospedale di Scutari 30 anni prima, aveva osservato la stessa cosa in pieno campo:
Le malattie non sono individui classificabili come cani e gatti, ma condizioni che nascono l’una dall’altra. Non è un continuo errore guardarle, come facciamo, come entità separate come cani e gatti, invece di guardarle come condizioni simili a pulizia e sporcizia, del tutto controllabili, o meglio come reazioni di natura benigna, invece  di come le consideriamo?
E aggiungeva:
La dottrina delle malattie specifiche è il rifugio di menti deboli, senza cultura, instabili, come quelle che tengono banco nella professione medica. Non eistono malattie specifiche; quello che esiste sono condizioni specifiche di malattia
Ai primi due si aggiunge lo spettro di Carlo Arnaldi, la cui Colonia, fondata nel 1906 e appollaiata sulle colline di Uscio, Riviera di Levante, attrae ancora oggi una fedele clientela che ne tramanda le tradizioni per passaparola.
Come Béchamp e Nightingale, Arnaldi negava l’esistenza di “malattie”. Puro ippocratico, addebitava tutti i malanni ad una sola causa: un alterato metabolismo a ragione di cattive abitudini, specialmente alimentari.  Curava con una dieta adattata a ciascuno e una pozione disintossicante per tutti a base di erbe,  che convogliava le tossine all’intestino, espellendole.
All’entrata della Colonia spicca il suo ammonimento: Aut Disce, aut Discede (impara o vattene). In fatto di dieta, se un cliente provasse ad aggirarla portando con sé cibi proibiti, su spiata del fidatissimo Giacomino lo faceva chiamare, gli restituiva i soldi e lo mandava a casa. Ma la salute tornava, e continua a farlo.[3]
Le ultime parole di Pasteur sul letto di morte furono Le microbe n’est rien; le terrain est tout. Era arrivato alla stessa conclusione di Béchamp, ma il dado era tratto. Il fattore determinante del suo successo sono senza dubbio i proventi da lotta alle malattie molto più lucrativi dei magri guadagni del medico che cura gli infermi.
La cultura cinese aveva trovato come garantire la dignità della professione medica senza tirare in ballo i soldi. Nell’antica Cina si impiegava un medico, la cui funzione era di mantenere in salute e a cui si passava un onorario fisso salute perdurante. Subentrando un disordine, si smetteva di pagarlo, e se si moriva in cura sua era lui a pagare per le esequie. Non c’è male come incentivo perché un professionista faccia il suo dovere.
C’è di più. Ancora oggi, in Cina, chi diagnostica la malattia non è il medico ma l’odoratore professionista di effluvi intestinali (vulgo peti). Costui pratica il mestiere per strada, guadagnando fino a 50mila dollari all’anno. Insomma, tutto un altro paradigma.
Nel frattempo Béchamp e la sua teoria sono stati emarginati e mandati in dimenticatoio. Ma non del tutto. Certi gruppi si inspirano ancora alle sue scoperte, e di tanto in tanto qualche medico praticante vi si imbatte e ne vuole sapere di più. Ma guai a costui se iscritto all’albo dei medici: rischia l’espulsione a proporre, non diciamo di reintegrare l’uomo, ma anche solo di esporne la teoria. Limitiamoci a constatare che lo spettro del dott. Antoine, come quello di Banquo[4], non se ne va. Nel frattempo prestiamo attenzione al paradigma pasteuriano moderno.
Una strana guerra
Assistiamo a una guerra sui generis da più di 100 anni: da un lato milita un esercito agguerritissimo, dotato di disinfettanti, antibiotici, cerotti, antibatterici, bende, vaccini, e tutto un armamentario per sconfiggere un numerosissimo esercito di germi, microbi, batteri, virus e chissà che altro, presunte cause di malattia e di morte.
Sono codesti esseri entia realia, come vorrebbe Pasteur, o entia rationis, cioè folletti, spettri, o gli spazzini pleomorfi di Béchamp? Con il metodo scientifico, confrontiamo le due ipotesi. Dopo le quali proporrò una serie di esperimenti, buona parte dei quali in corpore vili (il mio).
Prima di farlo, consideriamo la questione dal punto di vista filosofico. Il problema è metafisico: ad essere codesti microorganismi esseri viventi di diritto proprio, e classificati come tali da generazioni di ricercatori del calibro di Robert Koch (1843-1910) in ordini, famiglie, generi e specie, tali esseri perfetti morfologicamente e fisiologicamente dovrebbero causare malattie, che per definizione sono disordini.
Il che è metafisicamente impossibile. Ma la metafisica non essendo il forte degli scienziati, e men che meno degli istruiti dalla sQuola corrente, non insisto sul tema. Passo ai ricordi personali.
Tra quelli di infanzia più vividi sono le ferite riportate giocando o cadendo o altro, che mia madre, pasteuriana convinta, si ostinava a disinfettare con l’etanolo. Il bruciore era insopportabile, gli strilli pure, ma non c’era niente da fare. Le ferite andavano disinfettate. Fu un sollievo quando, nel movimento scouts, mi dissero che non bisognava metter nulla nella ferita, ma disinfettarla con tintura di iodio spalmata ai lati di essa. Ma andava fatta, perchè i germi sono in agguato dappertutto e possono causare perfino la peste.
Tra gli stessi ricordi ce ne è uno in cui il corpus vile fu quello di un grosso maiale di razza Large Black, da sacrificare per le vicine feste natalizie. Una ragazza maldestra con un fascio di canne che portava in spalla, lo ferì inavvertitamente sul groppone.
Mia madre decretò che la ferita andasse disinfettata. Si armò di cotone idrofilo e dell’immancabile etanolo, ne inzuppò un batuffolo e lo schiaffò sulla ferita del suino.
Non l’avesse mai fatto. La bestia, trasformata istantaneamente da mansueto porcello in inferocito cinghiale, si mise a caricare gli astanti tra grugniti acutissimi, le urla di chi ne veniva travolto e gli sghignazzi di si godeva la scena (i miei).
Crescendo, poi, non potevo fare a meno di osservare quei cani che leccavano le loro ferite in qualsiasi parte del corpo (ho sempre invidiato loro la flessibilità da contorsionista che purtroppo noi esseri umani abbiamo perduto) e guarirne senza bende, cerotti e altre armi dell’arsenale pasteuriano.
Apprendere dalla natura e copiarla mi venne istintivo: da allora qualunque ferita raggiungibile dalla lingua la curo leccandola fino a far ristagnare il sangue, e lasciandola seccare all’aria aperta, 24 ore dopo non ne rimane praticamente traccia. Ciò accade anche in ambienti sporchissimi, come l’officina meccanica nella quale di tanto in tanto faccio lavoretti.
Due esperienze di maggior calibro vanno raccontate. Molti anni fa ero uscito in gita nella savana per raccogliere campioni da trapiantare nel giardino roccioso che stavo mettendo su nella scuola dove insegnavo. Avevo con me una zappetta pieghevole di tipo militare, e indossavo pantaloni corti.
Nel vibrare un colpo maldestro al campione scelto, la zappetta scivolò sul bulbo legnoso, e si andò a conficcare nello stinco destro, causando una ferita da taglio di quattro-cinque centimetri con il sangue che  usciva a fiotti. Non avevo con me pronto soccorso, bende, cotone idrofilo, cerotti, niente.
Prendendola filosoficamente, mi sedetti su di un masso, avvicinai le labbra della ferita con il pollice e indice delle due mani, e contai cinque minuti sulle lancette dell’orologio. Secondo i canoni pasteuriani mi sarei dovuto beccare chissà che infezione, con tutta la polvere e sporcizia di un tale ambiente. Ma dopo 300 secondi la ferita non sanguinava più e le labbra tenevano. Non c’era dolore, infezione o altro. Si formò una cicatrice sottilissima, che con l’andar del tempo sparì senza lasciar traccia.
Un secondo incidente, anni dopo, fu una caduta in moto a velocità moderata (±30 km/h) in strada non asfaltata e con pietrisco. Mi alzai con un pantalone fatto brandelli e ferite multipli nel polpaccio destro. Di ritorno a casa, vidi che le ferite erano tutte da strascico eccetto una, che sembrava da taglio, ma già rimarginata. Toccandola, una escrescenza mi fece sospettare che si trattasse di un pezzo di specchio retrovisore, andato in frantumi con la caduta. Ma senza sangue, senza dolore e senza infezione, decisi di sperimentare lasciando le cose come stavano.
Tredici mesi dopo, girandomi a letto una notte, accusai una micro-pugnalata al polpaccio. Un medico amico aprì l’escrescenza e ne estrasse due pezzi di specchio, il più grande un triangolo isoscele di un 10 x 3 millimetri. Lo conservai per anni, fino a perderlo in un trasloco.
Secondo i canoni pasteuriani, avrei dovuto subire per lo meno un avvelenamento da mercurio, il metallo usato nel retro degli specchi, o una infezione incurabile, o quant’altro. Invece niente. Il mini pugnale si era conficcato tra la pelle e il muscolo del polpaccio, senza conseguenze visibili o invisibili.
Non pretesi mai di essere stato il primo a fare tali scoperte, e dopo l’arrivo di internet lo verificai. Ai tempi di Pasteur, Béchamp, Koch e altri luminari della ricerca, viveva un tal Max von Pettenkofer (1818-1901), chimico come Pasteur,  che però non credeva né al contagio né alla teoria del microbo come causa di malattie.
Quando Robert Koch pubblicò di aver scoperto il Vibrio cholerae, il batterio ritenuto responsabile (lo è ancora oggi) di quella malattia infettiva, Pettenkofer gli scrisse chiededendogli un campione di Vibrio da usare per ricerca personale.
Koch fece il favore e Pettenkofer ricevette una fiala piena di coltivo di Vibrio. La stappò e ne bevve il contenuto fino all’ultima goccia in presenza degli astanti. Poi scrisse a Koch ringraziandolo e notificandogli il risultato (negativo) dell’operato.[5]
Era il 1892. 40 anni prima si era pronunciata la Nightingale circa le “infezioni”:
Venni istruita facendomi credere che il vaiolo, per esempio, era una cosa della quale ne esisteva un primo campione al mondo, cfhe poi si sarebbe propagato da sé, in discendenza perpetua, proprio come c’era stato un primo cane (o paio di cani) e che il vaiolo non si sarebbe riprodotto senza un progenitore anch’esso vaiolo.
Da allora ho visto con i miei occhi, e odorato con il mio naso, i primi sintomi di vaiolo apparire  in stanze mal ventilate o in corsie sovraffollate, dove non sarebbe potuto arrivare, ma poteva solo cominciare.
Ho visto malattie iniziare, crescere e trasmutarsi l’una nell’altra. Orbene, i cani non diventano gatti.
Ho visto, per esempio, la febbre crescere in condizioni di sovraffollamento, e mutarsi in tifoide ad acuirsi questo; un po’ più affollamento, ed ecco il tifo, tutto nella stessa corsia o capanna.
Non sarebbe meglio, e più veritiero e pratico, guardare la malattia in questa luce? L’esperienza mostra che le malattie sono aggettivi, non nomi sostantivi.
L’infermieristica vera ignora le infezioni, eccetto che per prevenirle. La pulizia e l’aria da finestre aperte, più una attenzione costante all’ammalato, sono le sole difese che una vera infermiera chiede o di cui ha bisogno.
Una saggia, umana gestione del paziente è la migliore salvaguardia contro l’infezione. L’occupazione principale dell’infermieristica è quella di preservare la pulizia.
Quello che Béchamp aveva provato anni prima con gli animalcula del suo microzyma, lo aveva verificato la Nightingale macroscopicamente nell’ospedale di Scutari.
Una correlazione tra un trauma psichico e una malattia somatica è stata scoperta da recente dal dott Ryke Geerd Hamer (1935-2017), tedesco. Per chi è famigliare con il lavoro di Béchamp una tale scoperta era da aspettarsi. Per chi non lo è, e per giunta milita nell’esercito pasteuriano, questa è eresia, tanto da costare al suo scopritore la radiazione dall’albo dei medici.
Il conto dell’oste
Cosa direbbe un Béchamp redivivo ad incontrarsi oggi con il Covid19?
Direbbe quello che abbiamo visto fin qui: il virus è il microspazzino che convoglia tossine da dove si formano al sistema polmonare, il quale le espelle da bocca e nari. Non causa niente. Pertanto il sistema immunitario di chi viene trovato positivo sta solo lavorando per liberarlo da chissà quali tossine prodotte da chissà che disordine, che vengono convogliate verso gli orifizi naturali per venirne espulse, Le mascherine sono del tutto inutili, la distanza sociale è scemenza pura, e gli arresti domiciliari una follia. Non parliamo poi degli arresti da forze dell’ordine di poveri disgraziati che si fanno i fatti loro prendendo il sole su una spiaggia o correndo nei pressi di casa propria. C’è da scompisciarsi dalle risa.
Ma allora di che muore la gente, anche se non nella misura tamburellata dalla grancassa mediatica? I decessi sono veri. Indaghiamo, facendo notare che si tratta di una fondata ipotesi, non di una comprovata teoria. Sorvoliamo sulle statistiche truccate che falsamente addebitano al virus decessi per altre cause. Ma se non si muore di virus, di che si muore?
Dal 1934, anno della morte di Madame Curie stroncata da eccessive radiazioni dell’elemento da lei scoperto, si sa benissimo che le radiazioni uccidono. A tal punto, che chi vuole consultare taccuini e altro usati dalla scienziata deve indossare una tuta antiradioattiva.
Agli albori della telefonia mobile, attorno al 2000, venne in mente a due russi di fare un experimento: misero due cellulari uno di fronte all’altro, un uovo crudo nel mezzo, e li misero in comunicazione. 70 minuti dopo l’uovo era bollito sodo.
Ci fu chi espresse timori circa mantenere costantemente il volto in stretto contatto con aggeggi emettenti microonde, ma l’entusiasmo prevalse e i cellulari fanno parte della cultura odierna. In termini popolari, ci si è fatti i conti senza l’oste per una ventina d’anni.
Ma i cellulari non solo non hanno smesso di emettere radiazioni; sono stati rafforzati da numerosi aggeggi ancora più potenti: satelliti artificiali[6], forni a microonde, TV a circuito chiuso, antenne sempre più potenti, radar, WiFi, e chi più ne ha più ne metta.
E non solo radiazioni. Il dott. Stefano Montanari, che si occupa di nanoparticelle patologiche da decenni, aggiunge queste alle radiazioni come elementi nocivi per la salute. Tutte rilasciate nell’atmosfera con la stessa noncuranza circa il conto dell’oste.
Il quale è puntualmente arrivato con l’installazione del 5g, dieci volte più potente del 4g, che meno nocivo ma per niente innocuo è andato minando la salute di chi lo ha bazzicato senza saperlo dal 2000 in poi. Il 5g è la goccia che fa traboccare il vaso, o come più pittorescamente dicono gli inglesi, il filo di paglia che rompe la schiena al cammello.
Prima di verificare i perché e i percome di una possibile connessione tra il virus e 5g, vediamo a che serve questo aggeggio, e perché i suoi promotori sono tanto ansiosi di installarlo.
Nessuno dei suoi predecessori ha il potenziale di mettere in comunicazione tutta la gamma di aggeggi di cui l’uomo moderno sembra di non potere fare a meno per vivere: cellulare, auto semovente, frigorifero, contatore di elettricità “smart”, computer, e via aggiungendo. È l’apice del progresso tanto strombazzato da Galileo ad oggi.
Qui interviene un fenomeno che non riceve la pubblicità che meriterebbe: molti sindaci sembrano aver scoperto la vocazione di boscaiolo e abbattono alberi a decine di migliaia. Perchè?
Si strombazza che gli alberi impediscano la comunicazione 5g, ma la scusa zoppica. Seguendo la traccia del denaro si avrà una risposta più veritiera.
Nel ricevere una proposta per l’istallazione di una potente antenna 5g, un sindaco potrebbe ingenuamente dire: “ma certo, non c’è problema”. Al che il promotore del 5g risponderebbe: “Purtroppo il problema c’è. Gli alberi esposti alle radiazioni 5g muoiono, e quel ch’è peggio li si vede morire. Eccoti quindi una attraente mazzetta e veditela tu.
Possiamo ora capire il dilemma in cui si dibatte il sindaco: se abbatte gli alberi la gente protesta, ma senza capirne la ragione. L’abbattimento viene accettato come fatto compiuto. Se non li abbatte, la gente li vedrà morire, e non ci vorrà molto prima di connettere la morte degli alberi con la propria, entrambe dovute a un ordigno potenzialmente letale. Quanto?
Nel 2019 due giganti della telefonia: Vodafone anglosassone e Huawei cinese, si sono sbizzarriti installando antenne 5g, guarda caso, nella città cinese di Wuhan. Sei mesi dopo un certo numero di persone cominciavano a piombare improvvisamente a terra, alcune per non rialzarsi più. Tutte avevano il sistema polmonare fortemente compromesso.
Perchè? Un corpo umano attaccato da elementi estranei che ne danneggiano le cellule, si difende, tentando di espellere le tossine causate dall’agente invasore. Dei quattro grandi emuntori del corpo, solo i polmoni sono adatti alla bisogna[7] in questo caso. Ecco perchè i sintomi sono quelli dell’influenza.
Nel convogliare codeste tossine agli orifizi naturali bocca e nari, si formano liquidi e solidi peculiari, di forma variabile come già sappiamo, e che la medicina moderna, figlia di Paracelso e Pasteur, prende per cause del malessere invece di riconoscerle come effetti delle silenziose,  invisibili radiazioni.
Si nominano “coronavirus” codesti effetti, e il circuito è chiuso.
Militari, borghesi, ragazze, vaccinatevi!
Siringa in resta e cavalcando il palafreno mediatico, Bill Gates gira il mondo tamquam coronavirum debellator, cercando chi bucare con l’arma che porta. Prima di farlo, però, deve collaudare i vaccini, il che ha fatto, specialmente in India e in Africa.
Nella prima ci sono voluti 17 anni prima che il governo lo sfrattasse con tutto il suo armamentario dopo aver indotto la poliomielite in ben 486mila bambini. Nella seconda il collaudo continua: l’ultima notizia viene dal Senegal, il cui governo, indotto da una sovvenzione di 100 milioni di dollari della Banca Mondiale, si è prestato a far collaudare i primi vaccini anti-corona colà. Due medici francesi si sono recati a Dakar e hanno iniettato il prodotto a sette giovani senegalesi, tutti morti stecchiti a breve tempo.[8]
Evidentemente le cose non vanno troppo bene per il Nostro, ma non è quello il tema di interesse. Per chi vuole seguire la faccenda, legga i pesantissimi capi di accusa lanciatigli da Robert Kennedy Jr., figlio dell’omonimo Robert assassinato nel 1968 e nipote di JFK suo fratello. Ci occuperemo invece dei vaccini del tempo di Louis Pasteur.
Il principio dal quale partire è che la procedura vaccinale può funzionare se, e solo se, la teoria pasteuriana dei germi come cause di malattie è vera. Se Béchamp dovesse averci visto giusto, e Pasteur sbagliato, i vaccini sarebbero non solo inutili, ma anche irrilevanti. E gli eventi di più di un secolo fa fanno da esperimento che corrobora la seconda ipotesi.
Giunto al culmine della fama e promosso dagli stessi interessi economici di oggi, infatti, la cosa che Pasteur odiava di più era aprire la corrispondenza che si accumulava sul tuo tavolo da lavoro. Questa convogliava un clamoroso fallimento dopo l’altro della pratica vaccinale. In non poche occasioni il Nostro dovette indennizzare agricoltori e allevatori che avevano perduto i loro greggi in seguito a vaccinazioni accettate in buona fede, ma che si erano rivelate disastrose.
Ma il dado tratto continuava a promuovere la stessa pratica, finché si arrivò all’influenza spagnola[9] del 1918, che con i suoi 50 milioni di deceduti mantiene il record mondiale di pandemie. Cosa accadde?
Accadde che milioni di militari erano stati vaccinati contro il tifo prima di mandarli in linea durante la Grande Guerra. E guarda un po’, al posto del tifo apparve un paratifo, contro il quale i medici dell’epoca videro opportuno sviluppare e usare un secondo vaccino. Iniettato questo, apparve un secondo paratifo, etichettato B e richiedente un terzo vaccino. E arrivò… l’influenza, e con essa l’ecatombe non tanto di “persone” quanto di vaccinati.
I termini del paragrafo precedente sono quelli di un personale medico che non riusciva a capire l’accaduto. Béchamp (e la Nightingale) avrebbero detto invece “il tifo divenne paratifo, questo si trasformò in un secondo paratifo, e questo nell’influenza malchiamata “spagnola”..
Con l’argomento di cui sopra il lettore ha elementi sufficienti di giudizio. Qui mi limiterò a rendere omaggio a quegli italiani vittime di angherie da parte di forze dell’ordine acefale nonché da folle di dementi inferociti, perché colpevoli di anelare libertà personale.
Silvano Borruso
20 aprile 2020





[1] Se i lettori ne escogitassero una migliore, non avrei difficoltà ad adottarla
[2] Times, Londra, 8 agosto 1881. Neretto mio.
[3] La sanità ufficiale muove una guerra senza quartiere alla cura Arnaldi da decenni. Non mi è dato sapere gli ultimi sviluppi.
[4] Carattere di Macbeth, Shakespeare
[5] L’evento è del 1892. Pettenkofer non morì di colera, ma suicida nove anni dopo a 83 anni.
[6] L’ultimo progetto ne pervede 250mila per coprire la volta celeste a 360 gradi.
[7] Gli altri tre: intestino, reni e pelle rimangono fuori dal conto.
[8] Dal sito del Ghana www.ezone57.com
[9] Si è beccata quell’aggettivo perchè i primi casi vennero osservati in Spagna, ma i colpiti erano statunitensi.

Dio mio, cosa stiamo facendo?

"Il mondo virato" presentazione dell’ultimo numero di Limes

"ABBIAMO L'UNICO FARMACO PER IL CORONAVIRUS: IL PLASMA. È PIÙ POTENTE DI...

21 -- Economia, etica e giustizia -- Amartya Sen

Odifreddi a Foligno Scienza: La democrazia non esiste

LA TERZA GUERRA MONDIALE SI COMBATTE CON LE TELECAMERE - Marco Rizzo a #...

USA - Colorado si è liberata

CI SONO RESTRIZIONI CHE SI POTEVANO EVITARE ► Prof. Giulio Tarro: "Nessu...

lunedì 13 aprile 2020

BANCA D'INGHILTERRA SULLA CREAZIONE DI DENARO E DENARO NELL'ECONOMIA MODERNA

BANCA D'INGHILTERRA SULLA CREAZIONE DI DENARO E DENARO NELL'ECONOMIA MODERNA

Purple Rain (Live at the Carrier Dome, Syracuse, New York 1985)

Video guida: le erbe selvatiche commestibili di marzo

Le 5 erbe spontanee sempre disponibili per la sopravvivenza e la minestr...

RISCHIO ITALIA: intervengono "anche" TRUMP e il PAPA. Situazione molto p...

CORONAVIRUS E 5g



"Ero a capo della più grande unità aziendale di Vodafone, con sede nel loro quartier generale a Newbury, tra il 2013 ed il 2015. Ero al corrente di una serie di innovazioni tecnologiche che stavano per essere implementate, chiamate "l'internet delle cose", ed, in secondo luogo, della tecnologia 5g. Sapevo da molto tempo che la 5g era pericolosa, ma non avevo capito la correlazione con il coronavirus, di cui ora sono al corrente e voglio spiegarvi. Esiste una strategia deliberata per la distribuzione della 5g, che sono le frequenze di quinta generazione, che consentono a tutti i dispositivi di funzionare con una capacità di elaborazione molto più veloce e l'introduzione dell'intelligenza artificiale, l'internet delle cose, dove tutti i dispositivi saranno collegati tra di loro, sia la tua auto, sia il tuo telefono, sia il tuo frigorifero, sia l'elettricità in casa tua, tutto sarà collegato ad una griglia intelligente, una sorta di "matrix", purtroppo, perciò uso questo termine. Quindi quello che sta succedendo è che questa tecnologia deve essere implementata a livello globale. La compagnia per la quale lavoravo, la Vodafone, lavora in partnership con la Huawei, la telecom Cinese, ed insieme hanno lanciato l'implementazione della 5g in diversi luoghi. Le frequenze che utilizzano, ed anch'io ho gestito una società di telecomunicazioni dal 2010 al 2013/2014, alcuni di voi lo sanno, sono specializzate nello spettro radio che è la capacità di catturare segnali esterni dai satelliti e spedirli verso gli edifici, in modo che quella che è la potenza di queste frequenze la si ottiene sui dispositivi ed è la stessa sia dentro che fuori gli edifici. Quando inizialmente furono create le reti telefoniche mobili pensavano che le persone sarebbero state sempre in strada, ecco perchè erano chiamate mobili, ma in realtà quello che succedeva è che le persone usavano i loro telefoni mobili dentro gli edifici ed il segnale non era abbastanza forte da penetrare gli edifici. E queste sono le frequenze specializzate nello spettro radio che utilizzano vari megahertz, e la frequenza 5g è una frequenza molto, molto, molto alta, ed è appena sotto la classificazione di arma, vi dico perchè. La frequenza che stanno utilizzando, che è 10 volte più veloce della 4g, purtroppo, quando si connette con i corpi umani, provoca un avvelenamento delle cellule. Quindi i nostri corpi provano a combattere queste radiazioni e quello che succede è che i nostri corpi cacciano via queste tossine, con alcune proteine, DNA ed RNA dai nostri corpi, sotto forma di sostanze chimiche (che è chiamata virus), andando verso gli orifizi per essere espulse dai nostri corpi, dal naso o dalla bocca. Quindi quello che stiamo vedendo non è il coronavirus, ma stiamo vedendo un avvelenamento delle cellule che si manifesta con liquidi, virus, sostanze chimiche che il corpo sta cercando di eliminare perchè dannoso per il nostro fisico. E' una reazione del corpo umano alla elettrificazione dell'universo dai satelliti 5g, dalle torri 5g e dalle cellule 5g con cui hanno popolato le maggiori città in tutto il mondo. Quindi questo è quello che sta causando questa pandemia. Quindi, mi dispiace dirlo, punto secondo, questo è il più grande insabbiamento globale della storia, dovuto all'impatto sugli esseri umani dei "progressi" tecnologici. Quindi quello che sta succedendo non è il coronavirus, ma è un virus prodotto dall'avvelenamento delle cellule, quindi il virus che abbiamo in realtà è la misura, l'indicazione di noi stessi che espelliamo le tossine. Questo è quello che uccide la gente, quindi lasciatemi esporre dei fatti per capirlo. Una delle prime città in cui la Vodafone, la Huawei ed altre compagnie telefoniche hanno implementato la 5g è stata, indovinate, Wuhan in Cina, laddove suppongono che questo virus sia partito, in qualche mercato del pesce. Questa è una assurdità senza alcun senso, è cominciato dal risultato di frequenze radio ad altissimo livello che hanno creato radiazioni tossiche per le nostre cellule, ecco perchè le persone cadevano e poi morivano per strada. Quindi hanno cercato di nasconderlo perchè questo avvelenamento ha le caratteristiche del tipo di un'influenza ed usano il coronavirus per coprire il fatto che la gente sta morendo a causa delle frequenze radio della 5g. Ci vogliono 6 mesi affinchè tutto ciò abbia un impatto sui nostri corpi. L'anno scorso Wuhan fu la prima città dove è stato implementata la 5g, poi la Spagna ha implementato la 5g, l'Italia ha implementato la 5g, ecco che stiamo vedendo un numero non comune di morti in questi paesi, a causa del livello di penetrazione della 5g. L'Italia ha avuto più morti degli altri paesi perchè è densamente popolata con la 5g e le vecchie generazioni non hanno il sistema immunitario per combattere questo. Quindi l'Italia ha implementato più di altri paesi la 5g, la Spagna uguale ed anche la maggioranza delle grandi città del mondo la hanno implementata, Londra è uno delle città con il numero maggiore di videocamere a circuito chiuso e naturalmente sono in procinto di implementare la 5g dappertutto. Quello che è rilevante è che non è il coronavirus che sta uccidendo le persone, ma è chiaramente, categoricamente, inequivocabilmente e scientificamente provato che sono le frequenze radio a cui siamo stati esposti sta uccidendo le persone. Perchè lo permettono? Perchè seguono agende multiple ma principalmente perchè la 5g è la sola rete con la velocità per gestire il futuro dove stiamo andando velocemente, in un mondo gestito dall'intelligenza artificiale, l'internet delle cose, dove tutto è interconnesso alla rete, con una nuova valuta globale che sta per essere introdotta. In aggiunta avremo auto senza conducente e ci saranno un gran numero di cose che in pratica hanno bisogno di funzionare con la 5g, quindi loro non possono invertire l'implementazione di questa tecnologia. Solo per dimostrare ulteriormente tutto questo, le navi da crociera sono state costruite con la 5g, quindi le persone in quarantena sulle navi da crociera erano navi con la 5g, ecco perchè la gente si ammalava, gli ospedali hanno la 5g, le maggiori città hanno la 5g, gli aereoporti hanno la 5g, quindi questi sono luoghi in cui le persone si ammaleranno automaticamente, essendo esposti ad eccessivi livelli di radiazioni attraverso specifiche frequenze radio a spettro. Negli ultimi 120 anni abbiamo avuto 3 pandemie. La prima fu nel 1918 e fu chiamata l'influenza Spagnola. In quel periodo hanno implementato le onde radio a livello globale, aumentando l'elettrificazione del nostro universo. Indovinate cosa successe. Milioni di persone sono morte 6 mesi dopo con una pandemia che loro chiamarono l'influenza Spagnola. Durante la 2a guerra mondiale, appena dopo, un'altra pandemia che non era dovuta altro che alla implementazione di apparecchiature radar, satelliti a livello globale lanciati verso la cintura di Van Allen, dove praticamente mandano i satelliti, e nuovamente ci furono tanti morti. L'ultima grande pandemia fu nel 1968, fu chiamata Honk Kong flu, indovinate cosa fecero allora. Implementarono un altro livello di penetrazione di satelliti nella cintura di Van Allen, più di 100.000 satelliti che trasmettevano segnali radar e che sostanzialmente causarono la pandemia che uccise tantissime persone. Quindi indovinate cosa sta succedendo adesso, hanno implementato la 5g e questo ha un impatto sulla vita delle persone, uccidendole in tutto il mondo, e lo stanno coprendo con il nome di coronavirus. Per aiutarvi ancora, c'è un paese enorme con milioni di abitanti, con tempo sempre freddo, la Russia, che però non ha avuto morti da coronavirus. Perchè lì non hanno implementato la 5g per uso pubblico, ma lo hanno fatto solo per uso esclusivo dei militari, ecco perchè non hanno morti. Per provare ancora questa cosa, sentite le notizie, ci sono persone senza problemi di salute o sistema immunitario compromesso, che muoiono di coronavirus, ma il motivo per cui stanno morendo è che le radiazioni non scendono a compromessi, non hanno pregiudizi, nè per i giovani, nè per gli anziani, questo è un fenomeno globale che non può essere invertito. Fate delle ricerche, ci sono alcuni articoli accademici su questo impatto, come quello del Boston Health Group che ha indagato sui contagi e sostanzialmente hanno detto, così come fu per l'influenza Spagnola, anche questo non è contagioso. . Quello che stanno facendo è di diffonderlo alle persone attraverso i test, mi dispiace essere così onesto, ma questo è quello che sta succedendo, quindi quando ti fanno il test dai loro una opportunità di contaminarti con il virus perchè vogliono nascondere il fatto che milioni di persone moriranno per le eccessive frequenze radio. Ora perchè succede questo, dove vogliono arrivare, perchè lo stanno facendo? Conosciamo i motivi tecnologici per i quali hanno bisogno di un internet robusto e veloce in grado di permettergli di gestire l'enorme mole di dati e di informazioni riguardo tutti i nostri movimenti, tutti i nostri spostamenti, tutte le nostre transazioni bancarie, la nostra identificazione attraverso tutte le telecamere a circuito chiuso del mondo, ma il motivo principale per cui stanno facendo questo, che è luciferino e satanico, mi dispiace essere così sincero da usare questi termini, ma ciò che sta succedendo è che stanno implementando 3 nuove strategie. Uno i vaccini, che contengono tossine, ed una delle cose riguardo i vaccini è che con essi ti trasmettono la vera malattia, ma quel vaccino consisterà di sostanze chimiche che ti illuminano efficacemente per rispondere ancora più efficacemente alle radiazioni, un po' come la radioterapia, ma quello che iniettano nel tuo sistema consente alle cellule di essere distrutte. Quel vaccino sarà costituito da una sostanza che consentirà alla frequenza della 5g ad essere più efficace nel creare più vittime, quindi quello che stiamo vedendo nel mondo è che stanno guadagnando tempo per costruire ospedali più capaci, per essere onesti con voi, per ospitare milioni di persone che moriranno per quello che sta succedendo. Questo è il motivo per il quale negli ultimi 5 anni ho pressato i presidenti in Africa con il mio modello economico per offrirgli una valuta digitale alternativa per poterli sostenere indipendentemente dalla banca mondiale, indipendente da questo nuovo ordine mondiale controllato dall'1% delle èlites. Ora, si vede già dalle notizie, annunciano i vaccini che verranno, che avranno un impatto catastrofico sui nostri fisici esposti alle radiazioni, secondo punto, e lo faranno con i vaccini che verranno fatti con un dispositivo di localizzazione, un microchip che verrà applicato insieme con i vaccini. Questo darà loro la possibilità di tracciarci e verrà presentato, diranno loro, perchè hanno bisogno di sapere chi ha avuto i vaccini e chi no, così, diranno loro, possono sapere chi è al sicuro e chi non lo è, ed a chi possono fornire la possibilità di viaggiare o meno ed altre cose diverse sulla base di ciò. La terza strategia, purtroppo, sarà l'introduzione, e questa cosa l'ho vista 5 anni fa perchè ci lavoravo, di una valuta digitale globale, che inizierà negli Stati Uniti e si diffonderà poi in tutto il mondo. Quindi cosa stanno facendo, ora stanno chiudendo le economie globali contemporaenamente, perchè vogliono introdurre un nuovo livello di monopoli, che ha 4 o 5 elementi chiave, tra cui le multinazionali Amazon e Google, che gestiranno le catene di fornitura globali e tutto ciò che acquistiamo, e vogliono fare quanti più possibili persone disoccupate. Quindi non credete assolutamente alle misure di cui stanno parlando, sostanzialmente su sovvenzioni e pagamenti per aiutare i lavoratori autonomi, non succederà niente di tutto questo per il sostentamento delle persone. Stiamo andando verso la più grande recessione globale che il mondo abbia mai visto, ci stanno portando verso una nuova valuta digitale globale, alla quale non potremo avere accesso a meno che non dimostriamo che non siamo più dannosi per l'umanità, avendo i vaccini, che saranno obbligatori, ce li imporranno, e secondariamente insisteranno sul fatto che dobbiamo farci implementare il microchip. Tutto sarà completamente differente nel giro di qualche mese, nemmeno di anni. Bill Gates si è dimesso dalla sua carica di presidente della Microsoft e come presidente della fondazione Bill e Melinda Gates sta spingendo per il vaccino e la tecnologia sviluppata di cui è totalmente responsabile, quindi, per favore, quelli che pensano che sia un innovatore, in realtà sappiano che è un innovatore per la scomparsa dell'umanità, i vaccini sono sempre stati un pericolo per l'umanità.
Pasquale E.

LA CENSURA AVANZA...

Attenti ai benefattori

QUALI ALTRE PROVE CERCHIAMO?


Coronavirus: fine della globalizzazione

Il libro di Marco Gervasoni e Corrado Ocone

venerdì 3 aprile 2020

Appello

Insomma, qualcuno spieghi, una volta per tutte, se leggi, decreti e circolari ministeriali hanno validità sullo INTERO TERRITORIO NAZIONALE oppure NO !! 
O se hanno preminenza quelli dei presidenti di regione,le ordinanze dei sindaci e magari quelle dei quartieri e dei condomini !! 
Quello che sta avvenendo per la "concessione" di un poco d'aria ai bambini ha del surreale : il governo, via Ministro dell'Interno, "apre" con tantissimi limiti alla misura. Ed alcuni presidenti e governatori dichiarano "carta straccia" la relativa circolare !!
Guardate che non si capisce più un ..
e la gente si esaspera, capendo pure male e prendendosela magari con chi segua indicazioni che ritiene corrette. 
Questa è una repubblica delle banane !!

Vincenzo Mannello
Catania

ECCO IL PIANO DI SALVEZZA NAZIONALE - Guido Grossi #Byoblu24

ECCO IL PIANO DI SALVEZZA NAZIONALE - Guido Grossi #Byoblu24

75 fini l'Italia Sociale. Antonio Pantano.

75 fini l'Italia Sociale. Antonio Pantano.